Registratore di Cassa Prezzi. È Obbligatorio? Come Funziona?

La guida del registratore di cassa prezzi. Per chi è obbligatorio. Il giusto prezzo registratore di cassa necessario all' attività o negozio. Evita le sanzioni.

Se stai leggendo questo articolo, molto probabilmente hai inserito nel motore di ricerca le parole “registratore di cassa prezzi”, quindi hai necessita di capire se sei obbligato all’installazione e quale è il prezzo registratore di cassa adatto alla tua attività. 

La funzione del registratore di cassa

Nella maggior parte dei negozi dove sei entrato per fare delle compere, avrai notato il registratore di cassa. Questo è composto da un cassetto portasoldi che raccoglie le banconote e le monete dividendoli in scomparti, da un monitor, da una tastiera e da una stampante per stampare lo scontrino fiscale. Nello scontrino troviamo elencati tutti gli articoli acquistati in prezzo, quantita, l’importo totale da pagare e l’eventuale resto da ricevere. 

Ogni sera il commerciante effettuava la chiusura fiscale e annotava sul registro dei corrispettivi il totale giornaliero delle vendite. 

Dal 2019 il registratore di cassa è diventato telematico e si è evoluto. Infatti il nuovo registratore di cassa telematico ogni sera, in automatico, trasmette all’agenzia delle entrate il totale delle transazioni giornaliere.  

Caratteristiche del nuovo registratore di cassa telematico

Il registratore di cassa può essere paragonato ad un piccolo computer capace di:

  • Memorizzare tutte le transazioni avvenute durante la giornata;
  • Tracciare il denaro ricevuto per tali operazioni;
  • Emettere la ricevuta fiscale relativa ad ogni pagamento (ad eccezione del registratore di cassa telematico che invia invece tutte le informazioni direttamente alla agenzia delle entrate).

Inoltre, in quasi tutti i registratori di cassa, sono presenti svariate funzioni. Infatti è possibile interrogare il  registratore di cassa digitanto sulla tastiera alcuni comandi, il commerciante è in grado di sapere a chiusura di cassa:Cassa telematica

  1. Quali e quanti articoli ha venduto (report dei “corrispettivi giornalieri”);
  2. A quanto ammontano i suoi incassi;
  3. Quali modalità di pagamento hanno usato i suoi clienti fra contanti, bancomat o, carta di credito.

Queste informazioni possono essere richieste giornalmente, in un determinato periodo e anche mensilmente.

Tutto questo è possibile grazie ad una “memoria fiscale” paraganobile alla scatola nera degli aeroplani  che tiene conto di tutti gli scontrini emessi dal rivenditore ai propri clienti.

Come scegliere il giusto registratore di cassa 2020

Quanto costa un cassa telematica?

Il prezzo del registratore di cassa telematico varia dai 500 agli 800 € per i modelli dotati di più funzioni; ci sono modelli talmente avanzati, come ad esempio una cassa telematica  integrata con un sistema gestionale per la ristorazione, il cui costo può arrivare a sfiorare i 2.000 €.Prezzi registratori di cassa

Infatti, il costo può innalzarsi in base ai componenti hardware che lo compongono  e alcuni accessori come una stampante comande, uno scanner per leggere i codici a barre dei prodotti o il POS. A tal proposito ti consiglio di valutare la convenzione che possiamo offrirti per la fornitura del POS senza canone mensile con commissione inferiori all’ 1%.

Prima di scegliere il modello di registratore di cassa adatto a te, dovrai dunque valutare alcuni aspetti:

  • Nel caso di un piccolo business con pochi reparti andrà benissimo un registratore di cassa economico con poche funzioni e prezzo limitato;
  • Se invece hai un’attività che si occupa della vendita di molte tipologie di articoli e con un listino molto ampio, è preferibile optare per modelli con una tecnologia più complessa dunque anche più costosi.

Quindi quando devi valutare l’acquisto di un registratore di cassa per la tua attività devi concentrarti sulle tue necessità gestionali e operative, scegliendo il modello che maggiormente riesce a soddisfarle.

Registratori di cassa prezzi

€ 324,00
Ditron IT-K
Registratore di cassa economico
€ 324,00
€ 1.580,00
MyPos
Sistema integrato gestionali ristoranti compreso di stampante fiscale telematica
€ 1.580,00
€ 620,00
Epson fp81ii rt
Stampante fiscale RT Epson
€ 620,00

Il registratore di cassa telematico obbligatorio e scontrino elettronico

Per contrastrare l’evasione fiscale il governo, con la Legge di Bilancio 2019 ha introdotto l’obbligo di trasmissione dei corrispettivi telematici per la cessione di beni e servizi per i seguenti soggetti:

  • COMMERCIANTI AL DETTAGLIO E AL MINUTO
  • RISTORANTI
  • ALBERGHI, HOTEL, STRUTTURE RICETTIVE
  • ARTIGIANI (tranne alcune categorie)
  • QUALSIASI ESERCENTE TITOLARE DI PARTITA I.V.A. (anche se esonerati dall’obbligo di emissione della fattura elettronica)

riferimenti normativi: DLGS 127/2015 art.2 modificato dal D.L. 23.10.2018 n.119 convertito in legge il 17.12.2018 modificato dalla LEGGE 30.12.2018 n.145 (“legge di bilancio 2019”)

Le aziende sopra indicate sono obbligate all’acquisto del registratore di cassa telematico solo se i ricavi siano effettuati con pagamenti in contante e che abbiano fatturato fino a 15.000 € annui, di cui almeno 7.500 € incassati con contanti o altri metodi di pagamento assimilabili.

Sanzioni

Qualora un’azienda non dovesse dotarsi di registratore di cassa o dovesse utilizzare un registratore di cassa non fiscale, cioè che non disponga di memoria fiscale finalizzata a registrate tutti gli incassi, è prevista una sanzione fino a 5.000 € mentre in caso di manomissione dei dati l’importo può arrivare fino a 25.000 €.

Registratore di cassa telematico proroga

Dal 1° luglio del 2019 tutte le attività che avevano sviluppato un fatturato nell’anno precedente pari a 400.000 € erano obbligati ad avere il registratore di cassa con la trasmissione telematica dei corrispettivi. Dal 1° gennaio 2020 l’obbligo era stato esteso a tutti gli esercenti soggetti ad iva. Nel mese di dicembre 2019 purtroppo gli esercizi commerciali che dovevano mettersi in regola con la legge erano ancora tanti, di conseguenza lo stato, pur mantenendo l’obbligo di trasmettere i corispettivi in forma telematica, ha spostato la scadenza al 30 giugno 2020.

A far ulteriormente prorogare la scadenza di giugno ci ha pensato il Covid19, infatti con il decreto rilancio la scadenza ultima imposta a tutti i commercianti, per dotarsi della cassa telematica, è stata spostata al 01 gennaio 2021. Rimane in essere l’obbligo di trasmettere i corrispettivi in via telematica attraverso il portale dell’agenzia delle entrate o utilizzando un App disponibile per IOS o Android.

Contattaci
Inviaci una richiesta di contatto o prenota un appuntamento telefonico con un nostro esperto. Nel più breve tempo possibile sarai ricontattato

FullProfit

Massimizzare il profitto dei nostri clienti mantenendo la qualità,è la nostra missione.

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Articoli recenti

Seguici

Canale Youtube