Registratore Telematico: tutto quello che devi sapere

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Cosa devi sapere sul Registratore Telematico 2019: obblighi, scadenze, vantaggi e cambiamenti del punto cassa di attività piccole e grandi.
Registratore Telematico

La Normativa del registratore telematico

Lo stato, con Decreto Fiscale 2019 collegato alla nuova legge di bilancio,  descrive il processo di trasmissione dei corrispettivi con il Registratore Telematico all’Agenzia delle Entrate. L’obbiettivo del decreto e quello di di realizzare la semplificazione e la digitalizzazione della burocrazia. Questa soluzione oltre a prevedere degli obblighi, presenta anche dei significativi vantaggi.

Il Registratore Telematico, anche conosciuto come cassa rt, ha questo nome perchè tra le sue principali funzione permette di memorizzare ed inviare automaticamente i dati dei corrispettivi all’Agenzia delle Entrate.

Tutte le attività che nel 2018 hanno un fatturato maggiore di 400.000 euro, sono obbligati dal 1° luglio 2019 ad adottare il Registratore Telematico (o Server RT per attività con più di 3 punti cassa) per emettere scontrini elettronici da memorizzare e trasmettere telematicamente. Dal 1° gennaio 2020 quest’obbligo è esteso a tutti gli esercenti soggetti ad Iva.

La Moratoria in deroga

E’ prevista una moratoria per gli esercenti che non sono riusciti a mettersi in regola con la legge entro la data di scadenza. Non verranno applicate le sanzioni di legge per i primi sei mesi dalla entrata in vigore della legge in funzione del fatturato.
Per usufruire della  moratoria si devono registrare gli scontrini con il metodo tradizionale e, entro il giorno successivo, devono essere inseriti manualmente sul portale dell’Agenzia delle Entrate. Per maggiori dettagli puoi vedere l’articolo del Il Sole 24 Ore o visitare la nostra pagina FAQ.
Per agevolare e controllare la trasmissione dei dei corrispettivi nel periodo di moratoria, ti proponiamo un App “MyRtCloud” che ti permette con pochi click di adempiere alla normativa. 

A che ora il registratore di cassa telematico invia i corrispettivi?

In chiusura giornaliera della cassa, il Registratore Telematico prepara tutti i dati memorizzati durante la giornata lavorativa, li congela elettronicamente garantendone l’autenticità e provvede all’invio telematico all’Agenzia delle Entrate.

Scontrino-telematico_EpsonFp80 Registratore Telematico
Con la connessione ad internet del Registratore Telematico e con la pressione di un solo tasto, i corrispettivi saranno trasmessi in automatico e in piena sicurezza.
I vantaggi del Registratore Telematico

Comunicare con l’Agenzia delle Entrate i propri corrispettivi con il Registratore Telematico sarà semplice, rapido e senza errori.

  • No scontrino (lo scontrino cartaceo non è più obbligatorio e sarà valido solo a fini commerciali e di garanzia)
  • Verifica periodica ogni due anni invece che ogni anno (risparmio economico)
  • Registro dei corrispettivi non necessario (sostituito dallo scontrino elettronico)
  • Eliminato rischio di perdita documenti
  • Meno tempo da dedicare al commercialista (maggiore tempo per la tua attività)
  • Rapporto trasparente con il fisco
Registratore di cassa telematico prezzo

I prezzi del registratore telematico oscillano in base alle funzioni che riesce a svolgere.
Per una versione base la spesa minima sarà di € 450, fino ad arrivare a circa € 1500 per avere un sistema integrato.
Questo, oltre ad avere le funzioni fiscali, si fa carico di aiutarti nella gestione della tua attività. Interfacciato con un pc riesce a gestire il carico e lo scarico del tuo magazzino, effettuare delle statistiche di vendita e tanto altro ancora. 

Registratore di cassa prezzi
Scopri le nostre Offerte
Usufruisci del vantaggio fiscale fino a 250 € di credito d'imposta
Webmaster

Webmaster

Lascia un commento

per ricevere tutte le news

In qualsiasi momento potrai cancellarti dall’iscrizione inviando una semplice mail.